Grande o Piccolo. Alfredo Stoppa

ALFREDO STOPPA alle LEONTINE.

30 gennaio ultimo appuntamento di RONZINANTE.

Ultimo appuntamento del PREMIO RONZINANTE sabato 30 gennaio 2016, ore 16.30 alle Leontine di Sassuolo con un albo di Alfredo Stoppa e Sonia M. Luce Possentini. Scriveva qualche anno fa Walter Fochesatosulla rivista Andersenche GRANDE O PICCOLO è un testo breve ma saggiamente ed efficacemente giocato su quel che un bambino può o non può fare, sull’atteggiamento, magari generoso e affettuoso, degli adulti che spesso, però si rivelano lontani e inadeguati nel comprendere le esigenze dei loro figli.

A distanza di qualche anno ci è sembrato interessante riproporre una riflessione su questi temi a partire da una domanda che è stata il cuore di RONZINANTE  2015. Gli illustratori che si sono cimentati nel concorso dedicato a Gullivered allaSindrome di Sotosdovevano in una tavola restituire la frase “Grande o piccolo è solo questione di paragoni”. E’ per questo che abbiamo chiesto ad Alfredo Stoppa di parlarci del suo libro e di come è nato. Alfredo Stoppa, oltre ad essere un importante scrittore, inizia la propria attività come libraio. Nel 1988 dà vita alle edizioni C’era una volta, casa editrice specializzata nella pubblicazione di libri illustrati. In pochi anni, questa piccola casa editrice riesce a conquistare uno spazio preciso nell’ambito dell’editoria per ragazzi, presentando al pubblico italiano autori quali Lisbeth Zwerger, Roberto Innocenti e Kweta Pacovska, promuovendo il lavoro di molti giovani illustratori italiani e ottenendo diversi premi nazionali, fra cui il Premio Gianni Rodari 1997 con il libro di Vivian Lamarque “Il bambino che lavava i vetri”, il premio Alpi Apuane nel 1997 come miglior editore dell’anno e ben sette Premi Andersen. A condurre l’incontro sarà l’associazione Librarsi, dopo la presentazione dell’albo pubblicato da La Margherita edizioni si passerà alla PREMIAZIONE DELLA GIURA DEI BAMBINI. A premiare sarà il Presidente nazionale di ASSI GULLIVER, Associazione SINDROME DI SOTOS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *